"MANIFESTO PER IL SUD NELLA CRESCITA DELL’ITALIA"
Ripristina Riduci a icona
Stampa Stampa

Segnala la notizia Segnala via email

Misura il testo Cambia dim. del testo

| Condividi
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Questo manifesto, promosso dal Presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa, UMBERTO RANIERI e dal Presidente della Fondazione Res, CARLO TRIGILIA è stato sottoscritto da:
 
 
Maria Luisa Averna, Arnaldo Bagnasco, Piero Bassetti, Aldo Bonomi, Carlo Borgomeo, Mauro Calise, Don Luigi Ciotti, Innocenzo Cipolletta, Biagio de Giovanni, Guglielmo Epifani, Adriano Giannnola, Paolo Graziano, Giuseppe Guzzetti, Ivan Lo Bello, Alberto Meomartini, Savino Pezzotta, Giovanni Puglisi, Sergio Ristuccia, Michele Salvati, Maria Teresa Salvemini, Antonio Sellerio, Gianfranco Viesti, Massimo Villone, Marco Vitale.

 
L’Italia sta affrontando la più seria crisi economica e sociale dal dopoguerra. Il Governo Monti ha preso misure severe ma indispensabili per porre in sicurezza il Paese. Si lavora ora alla crescita, dopo lunghi anni di stagnazione che hanno visto l’Italia perdere posizioni tra i grandi Paesi avanzati. Al centro dell’attenzione vi sono soprattutto tre temi: liberalizzazioni e efficienza della pubblica amministrazione, nuova regolazione dei rapporti di lavoro, infrastrutture. Sono tutti obiettivi importanti per avviare la ripresa. Occorre però sottolineare con forza che non avremo una crescita solida e un’Italia più civile se non si affermerà nel Mezzogiorno uno sviluppo capace di auto-sostenersi. E’ dunque importante che la svolta avviata dal nuovo Governo nell’affrontare il problema del Sud si realizzi e si rafforzi in modo da farne un pilastro centrale di una strategia per la crescita del Paese...
 
 
Presentazione del "Manifesto per il Sud nella crescita dell’Italia"
di Umberto Ranieri
Roma, Camera dei Deputati, 21 maggio 2012
 
Signor Presidente della Repubblica,
Signori Ministri, Signore e Signori,
il nostro pensiero va ad una ragazza di 16 anni Melissa, che andava a scuola, studiava moda e turismo ed è rimasta vittima di uno spregevole e vile agguato. Ci soccorre in queste ore difficili la volontà degli italiani di non arrendersi alla paura e al buio della ragione. La speranza è che l’orizzonte del nostro Paese si schiarisca per il diffondersi di nuove consapevolezze, di rinnovate prospettive di vita e di convivenza responsabili e civili. Signore e signori, il Mezzogiorno di cui parliamo nel Manifesto per il Sud non chiede trattamenti speciali, nè indulge ad un rivendicazionismo deteriore. E’ un Mezzogiorno che chiede meno tutele e più investimenti mirati al sostegno dell’istruzione, della ricerca e dell’innovazione; investimenti per accrescere l’offerta dei beni pubblici di base, sicurezza, sanità, giustizia, la cui debolezza ha soffocato l’economia del Mezzogiorno, ha reso più bassa la propensione alla imprenditorialità e più alto il costo del credito... Leggi tutto 
 
 
Il "Manifesto per il Sud" è stato presentato nell'ambito dell'iniziativa
"UNA SVOLTA NEL MEZZOGIORNO PER UNA CRESCITA SOLIDA E UNA ITALIA PIÙ CIVILE"
 
 
ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
 
 
Lunedì 21 maggio 2012 - ore 17.00
Sala Aldo Moro - Camera dei Deputati
Piazza di Montecitorio
Roma
 
  
PROGRAMMA
 

INDIRIZZO DI SALUTO
 
Antonio Leone Vicepresidente Camera dei Deputati
 

PRESENTAZIONE DEL MANIFESTO

Umberto Ranieri Presidente Fondazione Mezzogiorno Europa

Carlo Trigilia Presidente Fondazione RES
 

INTERVENTI

Fabrizio Barca Ministro per la coesione territoriale

Corrado Passera Ministro dello Sviluppo Economico, Infrastrutture e Trasporti

Francesco Profumo Ministro dell’Istruzione, Università e Ricera