Mezzogiorno | Idee, riflessioni, documenti
Ripristina Riduci a icona
Stampa Stampa

Segnala la notizia Segnala via email

Misura il testo Cambia dim. del testo

| Condividi
 
 
Sud, i nemici da battere in casa nostra di Francesco Paolo CASAVOLA Il Mattino 30 novembre 2009
Se la storia italiana si potesse e sapesse scrivere, per quel che tocca il nodo Nord-Sud, non solo con il soccorso di economia, sociologia, statistica, politica e quant'altre scienze tra umane e naturali, ma anche con i ricordi di famiglie e di persone di diverse generazioni, in diari e epistolari che oggi non usano pi, e dunque almeno in opere di narrativa, che raccontano la realt come vissuta, avremmo di che correggere (e quanto!) i giudizi correnti. Leggendo ieri l'amaro editoriale di Romano Prodi sulla doppia rassegnazione da vincere mi vengono in mente queste considerazioni. Il Mezzogiorno depresso e immobile, ad esempio... Leggi  tutto
 
Una Maastricht per il Sud d'Italia | di Umberto RANIERI | Il Riformista 29 novembre 2009
Il Mezzogiorno d'Italia rimane il territorio arretrato pi esteso e popoloso dell'area dell'euro. Lo ha ricordato il Governatore Mario Draghi presentando i risultati di una ricerca promossa dalla Banca d'Italia con lo scopo di riesaminare il problema che ha segnato la storia economica d'Italia fin dalla sua Unit. Mentre le altre regioni europee in ritardo di sviluppo tendono a convergere verso la media dell'area, il Mezzogiorno non recupera terreno: questo il dato pi preoccupante emerso dalla ricerca. Le cifre parlano chiaro. Le aree deboli in Europa, nell'ultimo decennio, anche utilizzando i flussi di risorse provenienti da Bruxelles, sono cresciute del 3 per cento annuo, il sud dell'Italia rimasto fermo allo 0,3 per cento... Leggi tutto
 
Europa e Sud le scommesse da vincere | di Romano PRODI | Il Mattino 29 novembre 2009
Nella vita delle nazioni e dei popoli periodi di entusiasmo e di speranza si alternano spesso a periodi di sfiducia e di rassegnazione. In molti casi l'alternarsi di questi periodi dettato da eventi improvvisi, come le guerre o le carestie. In altri casi si tratta invece di fenomeni lenti, che accompagnano lunghi periodi di crescita o di decadenza. Credo che mai, come in questo periodo, le differenze nello spirito pubblico dei diversi popoli siano state cos marcate. In Cina, in India e in Brasile tutto sembra possibile. Anche se le condizioni generali ed il reddito medio delle popolazioni rimangono nettamente inferiori rispetto a quelle dei paesi pi avanzati, il messaggio che si riceve che il futuro non pu che essere migliore, che i giovani vivranno meglio degli anziani e che il progresso non potr in alcun modo essere fermato... Leggi tutto
 
Il futuro del Mezzogiorno il futuro dell'Italia | di Giuseppe GALASSO | Il Corriere del Mezzogiorno 29 novembre 2009
Iniziativa importante, quella della Banca d'Italia, sul Mezzogiorno, per l'autorevolezza e per la rilevanza istituzionale ed economico-finanziaria di quell'istituto, e, ancor pi, per il fatto che nella sua sede e al suo livello si sia parlato di Mezzogiorno, e se ne sia parlato come di un grande problema nazionale. Non , beninteso, una scoperta inedita. Neppure ricordiamo pi da quanto tempo se ne parli. N, per la verit, dal convegno di Bankitalia sono venute fuori altre novit, tranne, per noi, due punti di sicuro rilievo. In primo proprio che in esso si sia parlato di Mezzogiorno. Da quanto tempo diciamo che il Mezzogiorno non pi all'ordine del giorno della politica italiana?... Leggi tutto  
 
 
Il capitalismo politico di Ivano RUSSO La Repubblica Napoli 30 novembre 2009
La relazione svolta dal governatore Draghi alla giornata di studio dedicata dalla Banca d'Italia al Mezzogiorno, ha trovato generale positivo riscontro anche nei polio/ maker. Non si capisce perch, allora, alcuni fondamentali richiami, peraltro non nuovi, sembrino non attecchire affatto nella quotidianit politica e amministrativa del Mezzogiorno. Draghi ha detto che occorre spostare l'enfasi dalla quantit delle risorse alla qualit dei risultati e fare fruttare le risorse che ci sono gi, che la spesa pubblica primaria che viene convogliata a vario titolo nel Sud imponente, al confronto delle risorse utilizzate per le politiche regionali, e che queste hanno ottenuto comunque scarsi risultati indebolite da localismi, frammentazione degli interventi, difficolt a individuare priorit, sovrapposizioni delle competenze dei vari enti pubblici... Leggi tutto
 
Senza il Sud il Paese non riparte | di Antonio GALDO | Il Mattino 28 novembre 2009
La solennit istituzionale con la quale il governatore Mario Draghi ha voluto presentare un maxi-rapporto (ottocento pagine) sul Mezzogiorno, timbrato dall'autorevolezza della Banca d'Italia, un modo chiaro e forte per confermare un punto di partenza da ficcare nella testa di tanti, troppi, osservatori rassegnati all'idea che una parte del Paese sia ormai perduta: senza il Sud, l'Italia non esiste. E senza lo sviluppo del Mezzogiorno, un vero cambiamento, una nuova marcia del Paese e non di alcune regioni-locomotiva, sar sempre e solo un'illusione ottica. O perfino un elemento di definitiva rottura dell'integrit nazionale. Gi, ma quale Mezzogiorno deve riprendersi?... Leggi tutto
 
Per il Sud ci vuole seriet, non misure eccezionali | di Angelo DE MATTIA | MF 27 novembre 2009
Il Sud dei persistenti divari e degli scarti allarmanti nella qualit dei servizi pubblici essenziali nei confronti del Centro-Nord, la fotografia scattata ieri nel convegno promosso dalla Banca d'Italia su Mezzogiorno e politica economica nazionale aperto dal governatore Mario Draghi e al quale ha presenziato il Presidente della Repubblica. Il Sud, che rimane il territorio arretrato pi esteso e popoloso dell'area dell'euro; il Sud del cui sviluppo, per, tutti abbiamo bisogno. Ecco dunque il Mezzogiorno come questione nazionale. Ecco l'esigenza di un nuovo meridionalismo. La prima osservazione riguarda il rigore delle numerose relazioni svolte che hanno spaziato su tutti i settori dell'economia, della finanza, dell'intervento pubblico, del confronto internazionale, fino al capitale sociale e alle problematiche istituzionali, in ossequio alla massima einaudiana del conoscere per deliberare... Leggi tutto
 
Draghi, diagnosi e cura per guarire il Sud | di Marco ONANDO | Il Sole 24 Ore 27 novembre 2009
Una buona met dei differenziali in termini di disponibilit e costo del credito tra Sud e Centro-Nord spiegata dal maggior peso dell'economia sommersa. E una debolezza strutturale del sistema produttivo ancora pi accentuata della media nazionale, gi preoccupante. Sono dati emersi dal convegno sul Mezzogiorno ieri in Banca d'Italia, l'ultimo anello di una lunga serie di analisi promosse dalla nostra banca centrale. E non basta. La rimanente met del divario spiegata da fattori legati alla legalit, come le differenze di efficienza nel funzionamento dei tribunali (anche in questo caso lontane da una media nazionale molto al di sotto di quella dei paesi progrediti) e dei tassi di delinquenza... Leggi tutto
 
L'allarme di Bankitalia sul malgoverno meridionale | di Massimo VILLONE | La Repubblica Napoli 27 novembre 2009
Sono taglienti come lame affilate le parole sul Mezzogiorno del governatore Draghi in un convegno presso Bankitalia. Taglienti soprattutto perch largamente vere. Draghi sottolinea che ci sono scarti allarmanti di qualit tra Centronord e Mezzogiorno nei servizi essenziali per i cittadini e le imprese, come istruzione, giustizia civile, sanit, asili, assistenza sociale, trasporto locale, gestione dei rifiuti, distribuzione idrica. E richiama il peso devastante della criminalit organizzata. Soprattutto due sono le considerazioni che colpiscono. La prima, circa l'infiltrazione della criminalit organizzata nella amministrazione pubblica; la seconda, sull'insufficiente controllo degli elettori sugli eletti... Leggi tutto 
 
A chi conviene l'assedio al Meridione | di Michele SALVATI | Il Corriere della Sera 26 novembre 2009
Alla presenza del presidente della Repubblica e del Governatore, si tiene oggi in Banca d'Italia un convegno dedicato al Mezzogiorno. Si tratta dell'occasione per presentare la messe di studi dedicati dalla Banca alla questione meridionale, che si aggiungono al flusso della Svimez e a quello del Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione sociale del ministero dell'Economia.
Gli studi della Banca completano cos un quadro di informazioni, analisi, riflessioni e suggerimenti che difficilmente potrebbe essere pi ricco. Eppure le politiche per il Mezzogiorno sono povere, e non mi riferisco solo a quest'ultimo governo e neppure soltanto all'ammontare di risorse economiche mobilitate... Leggi tutto
 
 
Documenti

 
 
Il volume raccoglie una serie di ricerche presentate nel corso del convegno Mezzogiorno e politiche regionali, tenuto a Perugia il 26-27 febbraio 2009. Le analisi si riferiscono a vari aspetti delle economie regionali: salari prezzi e contrattazione; diseconomie ambientali; capitale pubblico e competitivit; divari nelle regioni europee ed esperienza di altri paesi; scelte finanziarie delle famiglie e difficolt delle imprese a operare nel Mezzogiorno; politiche regionali e federalismo. Parte delle analisi riportate in questo volume costituiscono, assieme ad altre ricerche, materiale di base per il convegno Il Mezzogiorno e a la politica economica dell'Italia, tenuto a Roma il 26 novembre 2009.