Archivio Formazione
Ripristina Riduci a icona
Stampa Stampa

Segnala la notizia Segnala via email

Misura il testo Cambia dim. del testo

| Condividi
 
 
Le Scuole di Formazione si rivolgono ad una specifica tipologia di destinatari interessati a partecipare con maggiore consapevolezza alla vita politica: laureati e ricercatori in scienze sociali e umanistiche; policy makers; docenti; quadri di partito e del sindacato.
 
 

 
Summer School 2010
Etica Coesione Sostenibilità: la responsabilità sociale delle imprese come nuovo modello di sviluppo
 
Napoli 10-13 giugno 2010
 
Puntare sull’etica, sui diritti e sulla qualità del capitale relazionale per sostenere la crescita economica e lo sviluppo sociale dei territori: questa, in sintesi, la sfida lanciata dai principi della responsabilità sociale d’impresa alle dinamiche sperequative del mercato globale.
Negli ultimi anni il riconoscimento del ruolo sociale dell’impresa, con le responsabilità che si accompagnano al suo esercizio, ha portato alla crescente diffusione dei codici etici, delle certificazioni di responsabilità sociale e ambientale, dei bilanci sociali, di politiche attive per la sicurezza sul lavoro, per le pari opportunità e la trasparenza anche al di là degli obblighi di legge, con ricadute importanti sulle relazioni tra imprese e dipendenti così come tra imprese e comunità locali. Queste innovazioni stanno dimostrando che, investendo volontariamente sulla costruzione di legami fiduciari più solidi con i propri stakeholder le aziende possono dotarsi di risorse importanti per adattarsi al cambiamento e per comunicare - all’interno ed all’esterno - la propria vision ed i propri valori... Leggi tutto
 

 
Winter School 2009
Cooperazione territoriale europea ed internazionalizzazione. Strategie, strumenti, azioni per il Mezzogiorno
 
Napoli 12-15 marzo 2009
 
Il tema scelto per questa edizione è Cooperazione  territoriale europea ed internazionalizzazione. Strategie, strumenti, azioni.
Le scuole di formazione organizzate dalla Fondazione si rivolgono ad un target di destinatari che intendano acquisire elementi informativi, relazionali e conoscenze specifiche al fine di poter  partecipare con maggiore consapevolezza alla vita sociale, politica, culturale ed alle attività professionali attinenti ai diversi temi trattati nel corso delle varie edizioni. Avendo scelto di sviluppare le tematiche legate alla Cooperazione Internazionale e Territoriale ed al suo sviluppo relativamente alle normative, ai contenuti e agli strumenti, il bando si rivolge a laureati e ricercatori nelle discipline giuridiche ed economiche ad indirizzo internazionale, operatori della cooperazione internazionale e territoriale, responsabili dell’internazionalizzazione del mondo produttivo e del sistema delle imprese, funzionari e dirigenti delle pubbliche amministrazioni... Leggi tutto
 

 
Winter School  2008                           
Una Nuova Comunicazione Istituzionale per il Mezzogiorno in Europa

Napoli 28/29 Febbraio-01/02 Marzo 2008
 
Le scuole di formazione organizzate dalla Fondazione si rivolgono ad un target di destinatari che intendano acquisire elementi informativi, relazionali e conoscenze specifiche al fine di poter  partecipare con maggiore consapevolezza alla vita sociale, politica, culturale ed alle attività professionali attinenti ai diversi temi trattati nel corso delle varie edizioni. Avendo scelto di sviluppare le tematiche legate alla Comunicazione Istituizonale ed alle sue evoluzioni normative, di contenuti e strumenti, la Scuola si rivolge a: laureati e ricercatori in Scienza delle Comunicazioni e Scienze politiche, giornalisti, operatori della comunicazione istituzionale e pubblica, responsabili delle relazioni istituzionali del mondo produttivo e del sistema delle imprese... Leggi tutto
 

Summer School 2007                           
Cittadini. Politica. Istituzioni

Napoli 12-15 luglio 2007
 
L’ambizione di questa prima edizione della “Summer school” della Fondazione Mezzogiorno Europa è di indagare i motivi e i possibili
sbocchi della crisi italiana, anche con riguardo alle prospettive del
Mezzogiorno. L’interminabile transizione nella quale siamo condannati
a vivere appare ancora di lontana soluzione.
Basti pensare alla contestualità dei fenomeni aggregativi e disaggregativi che scuotono il sistema politico rinviandone sine die una stabilizzazione,
alle irresoluzioni sui nodi fondamentali dello sviluppo italiano, all’assenza di modelli istituzionali e culturali consolidati e alla caducità di consuetudini e convenzioni di comportamento che pure
sembravano in via di consolidamento.
In una cornice di tale instabilità è inevitabilmente la parte più debole del paese che, ancora una volta, paga il prezzo più alto.
L’assenza di culture politiche popolari, il vuoto o l’estemporaneità progettuale, l’offuscamento del senso della legalità e perfino di comuni e basilari regole del vivere civile, l’avanzata dei poteri
e delle economie criminali costringono ancora una volta a interrogarsi sulle vie per mantenere sostanzialmente – vorremmo dire “culturalmente” - il nostro Mezzogiorno in Europa; sul contributo che esso può dare alla maturazione civile (si pensi alla “rivoluzione” multiculturale) e allo sviluppo del paese, consci del fatto che il rapporto tra politica e cultura ha avuto qui alcuni dei momenti più alti di fecondo scambio e permeabilità.
Con il solito spirito costruttivo, senza piagnistei, con la voglia di futuro delle giovani classi  dirigenti meridionali, che emergono sempre più quali consapevoli protagonisti del cambiamento.
Certi che questa “schola” si confermerà come un luogo libero e aperto di incontro di idee, competenze, interessi e, perché no, progetti.

Scarica il Programma.pdf (433Kb)

Scarica il Bando.pdf (202Kb)

Rassegna Stampa .pdf (1,94 Mb)


 
Winter School 2006
Una scuola per una migliore conoscenza del Sud, della sua storia, della sua identità, dei suoi problemi, delle sue prospettive
 
Napoli 15-17 dicembre 2006
 
I giovani amano la buona politìca
di Andrea Geremicca
 
La Fondazione Mezzogiorno Europa aveva deciso, non senza qualche trepidazione per la severità dell'impegno, di sperimentare l'organizzazione di un Seminario-convitto a pagamento, di tre giorni, articolato in work shop tematici per riflettere in modo documentato sulla riforma dei Fondi strutturali e sullo sviluppo innovativo del Mezzogiorno nel rapporto dell'Europa col  Mediterraneo ("Il Mezzogiorno è l'Europa nel Mediterraneo").
Con una idea-forza che è anche una premessa: bene le previsioni, i programmi, i progetti, ma senza la formazione di una nuova classe dirigente politica, amministrativa e imprenditoriale colta e autonoma, il Mezzogiorno rischia di perdersi nelleparole e rimanere al palo. Di qui il tentativo di Mezzogiorno Europa, di portare in concreto, coi fatti, un piccolo contributo, non più di un granello di sabbia, alla costruzione di un Mezzogiorno che conta.
Le domande di partecipazione al Seminario sono state 374. Tutte chiedevano di essere ammesse al versamento delle quote dipartecipazione: solo 100 euro (ma anche questa somma, per un giovane precario che magari guadagna 300-400 euro al mese, rappresenta un sacrificio).
Tuttavia, per ragioni organizzative e amministrative, si sono potute accogliere solo 150
domande. Peccato. Vuol dire che con gli esclusi e con tanti altri se ne riparla alla Scuola d'Estate, che si terrà a luglio su un tema altrettanto impegnativo: il rapporto oggi tra società, politica, partiti e istituzioni.
Qualche dato statistico sui 150 partecipanti alla Scuola d'Inverno: uomini 84, donne 66. Età media trenta anni. 91 al di sottodei trenta, 33 dai trenta ai quaranta, 26 sopra i quaranta. Profili formativi: laureandi, laureati, ricercatori con corsi in relazioni internazionali, scienze politiche, economia, giurisprudenza.
La tematica dei work shop nei quali si articola il Seminario (con l'intervento di una cinquantina di relatori italiani e stranieri) è molto ampia, senza tuttavia perdere di coerenza e unitarietà: dallo stato del dialogo euromediterraneo, ai dati del divario Nord-Sud, al Mezzogiorno Sud d'Europa, Nord del Mediterraneo, al Mezzogiorno piattaforma logistica del Mediterraneo, a innovazione a sviluppo: carte vincenti per il Mezzogiorno.
Come si sa, le "Giornate" di studio, i Seminari, le "Scuole" di formazione politica non si limitano mai alla mera divulgazione delle conoscenze: dibattono, ricercano, sollecitano il confronto sui problemi aperti... Leggi tutto 

Programma.pdf (292 Kb)
 
Invito cartaceo.pdf (865Kb)