"Una e indivisibile". Dibattito in occasione della presentazione del nuovo libro di Giorgio Napolitano
Ripristina Riduci a icona
Stampa Stampa

Segnala la notizia Segnala via email

Misura il testo Cambia dim. del testo

| Condividi
 
 
 
 
"Qual la conclusione che oggi ne traggo? Che non si trattato di un fuoco fortuito, di unaccensione passeggera che gi sta per spegnersi, di una parentesi che forse si gi chiusa. No, si trattato di un risveglio di coscienza unitaria e nazionale, le cui tracce restano e i cui frutti sono ancora largamente da cogliere.
 
Giorgio Napolitano
 
 
 
 
DIBATTITO IN OCCASIONE DELLA PRESENTAZIONE DEL NUOVO LIBRO
DI GIORGIO NAPOLITANO
 
 
 
 
 
 
 
16 dicembre ore 16.30
Sala Conferenze Universit degli Studi di Napoli LOrientale
Napoli - Via Chiatamone 61-62
 
SALUTI
Prof. Giuseppe Cataldi Pro-Rettore LOrientale
 
INTRODUZIONE
Lucia Valenzi

NE DISCUTONO
Mauro Calise Paolo Frascani Luigi Mascilli Migliorini Luigi Musella Umberto Ranieri
 
COORDINA 
Giustino Fabrizio Direttore redazione napoletana di La Repubblica
 
 
 
 
 
  
 
 
Prefazione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
Il ciclo delle celebrazioni del 150 anniversario dellUnit non pu considerarsi ancora esaurito: lo dicono notizie e annunci che continuano ad affluire. Ma un bilancio sostanziale certamente possibile, e vorrei sottolinearne alcuni aspetti. Innanzitutto leccezionale diffusione e variet di iniziative, e il carattere spontaneo che molte di esse hanno presentato: non sollecitate e coordinate dallalto, da nessun luogo centrale, Presidenza della Repubblica o Governo. Si davvero trattato di un gran fiume di soggetti che si sono messi in movimento, in special modo al livello locale, fin nei Comuni pi piccoli istituzioni, associazioni di ogni genere, gruppi e persone. stato un gran fervore di richiami di antiche memorie, anche famigliari, e di impegni di studio, di discussione, di comunicazione. Quel che si mosso, poi, nelle scuole stato straordinario: quanti insegnanti, per loro conto, e quanti studenti, a ogni livello del sistema distruzione, si sono messi dimpegno e hanno dato in tutte le forme il loro contributo! E anche in termini quantitativi che cosa stata la partecipazione dei cittadini anche alle manifestazioni nelle piazze e nelle strade e dai balconi delle case, in unesplosione mai vista di bandiere tricolori e di canti dellInno di Mameli!
Ce lo aspettavamo?  Leggi tutto